Casentino, Cuore dell’Appennino tosco-romagnolo. Tra secolari foreste di faggio e abete, eremi e santuari, morbide vette e innumerevoli sorgenti. In questo suggestivo scenario, dall’idea di tre giovani con diverse esperienze di lavoro, è nata a gennaio 2014 la Cooperativa In Quiete.

Guide ambientali, educatori, comunicatori, dottori forestali: tanti diversi percorsi formativi per ciascuno di noi, coniugati in un’unica scommessa sulla professionalità, sulla passione, sull’amicizia. Un obiettivo: credere e investire in un turismo responsabile e sostenibile per i sentieri dell’Appennino, oltre che sull’educazione ambientale nelle scuole per il futuro delle nuove generazioni, il tutto coniugato da un profondo spirito di valorizzazione della natura e delle tradizioni storico-culturali del territorio.

Il nome nasce da un album live, registrato quando ancora eravamo bambini, che ci accomuna e che ci ha visti crescere… un nome che seppur distanti tra di noi ci ha uniti nel solco di passioni e interessi comuni.

In Quiete è tutto questo. E molto altro. Scoprici nel sito!

 

Sara, Mattia, Andrea ed Alessandro: quattro ragazzi con percorsi formativi differenti e paralleli, legati dall’amore per la natura e per l’Appennino.

In Quiete è per noi un sogno comune, una musica che ci lega, un obiettivo sempre da conquistare.

 

Società Cooperativa In Quiete

Via Aldo Moro, 15 – 52015 Pratovecchio Stia (AR)

P. Iva: 02170820514

Segreteria eventi e trekking: info@cooperativainquiete.it

Amministrazione e contabilità: amministrazione@cooperativainquiete.it

Acquacoltura Molin di Bucchio: acquacoltura@cooperativainquiete.it

 

I soci:

Sara Baldini: sara.baldini@cooperativainquiete.it – 3482444490 (lun.-ven. dalle 10 alle 18)

Mattia Speranza: mattia.speranza@cooperativainquiete.it – 3477321236 (lun.-ven. dalle 10 alle 18)

Andrea Gambassini: andrea.gambassini@cooperativainquiete.it – 3484826712 (lun.-ven. dalle 10 alle 18)

Alessandro Volpone: alessandro.volpone@cooperativainquiete.it – 3395235682 (lun.-ven. dalle 10 alle 18)

 


 

Sara Baldini, Presidente (socio lavoratore)

Età: 32 Anni

Residente a Pratovecchio (AR)

Titolo di studio: Laurea in Scienze Forestali

Ruolo nell’impresa: Responsabile della parte contabile ed operativa, coordina i vari settori di interesse.

Titoli: Guida Ambientale Escursionista

 


 

Mattia Speranza, Vice Presidente (Socio Lavoratore)

Età: 32 Anni

Residente a Poppi (AR)

Titolo di studio: Laurea in Filosofia

Ruolo nell’impresa: Responsabile del Volontariato del PNFC, della Segreteria e del Festival LIBRA

 


 

Andrea Gambassini, Vice Presidente (Socio Lavoratore)

Età: 35 Anni

Residente a Chitignano (AR)

Titolo di studio: Perito Commerciale

Ruolo nell’impresa: Responsabile della Promozione, Ideazione ed Organizzazione di eventi

Titoli: Guida Ambientale Escursionista

 


 

Alessandro Volpone, Socio lavoratore

Età: 35 Anni

Residente a Pratovecchio (AR)

Titolo di studio: Agronomo – Laurea in Scienze Forestali

Ruolo nell’impresa: Responsabile del progetto Molin di Bucchio e Ideazione eventi

Titoli: Guida Ambientale Escursionista

 

 

 

?php echo $value->post_title; ?>

Sara Baldini

Nata e cresciuta in questo territorio. Fin da piccola educata al rispetto per la natura e ad apprezzare la bellezza degli ambienti che l’uomo non è riuscito a stravolgere. Una passione tramandata geneticamente, intrinseca, che è difficile da cambiare o dimenticare. Laureata in Scienze forestali e ambientali e Guida Ambientale Escursionistica. Dopo la laurea e una bellissima bambina (anche lei appassionata di animali), per anni ha svolto piccoli lavori nel campo della fotointerpretazione e dell’accoglienza dei turisti. Volontaria senza una sede e un perché, si ritrova a pulire e togliere rifiuti in angoli sperduti dei nostri boschi. Ha partecipato anche ad altre forme di volontariato organizzato, tra cui Puliamo il mondo, Fiumi Puliti, bramito del cervo, catture di caprioli, e varie forme di censimento organizzate dall'Associazione Amici del Parco, di cui è stata Vicepresidente per quasi 2 anni. Ama il mare e il sole, ma anche stare sulla neve, meglio se con un paio di sci ai piedi... Appassionata di yoga, rimedi naturali, omeopatia e ogni genere di tecnica alternativa per la cura e il benessere della mente e del corpo. Attualmente è la Presidente della Cooperativa, svolge ruoli di progettazione, amministrazione e lavori in campo.

?php echo $value->post_title; ?>

Mattia Speranza

Una laurea in filosofia, un corso di giornalismo ambientale, un’esperienza di Servizio Civile al Parco nazionale delle Foreste Casentinesi, dove aveva già partecipato al primo turno sperimentale di volontariato nel lontano maggio 2011 (dopo due esperienze simili in Abruzzo), e dove in questi anni ha continuato a collaborare per la comunicazione, il progetto di volontariato stesso e tante piccole diverse mansioni. Dalle Marche, Massignano (AP) di cui va fiero e nostalgico, passando per Firenze (con fuga Erasmus a Helsinki), è così finito in Casentino. Stakanovista del censimento dei cervi al bramito (non ne perde uno da quando in questo strano mondo si è affacciato), innamorato della montagna sin dalle prime escursioni sui Sibillini, ama nuotare nel “suo” Adriatico, viaggiare e ascoltare musica strana. Gioca a calcio con gli amatori della Lokomotiv, d’estate pedala su una Bianchi di seconda mano, e una volta l’anno se ne va in tenda a vedere l’arrivo di qualche tappone alpino del Giro d’Italia. Adora la storia e i valori della Resistenza. Adora anche i libri. E strimpella il violino. Per In Quiete è il referente del progetto di volontariato, la manodopera del progetto Wolfnet al fianco del CFS, e s’occupa più in generale di segreteria e progettazione.

?php echo $value->post_title; ?>

Andrea Gambassini

Sono Casentinese, nato e cresciuto libero. Libero di correre nell'erba alta. Libero di passare l'intera giovinezza a giocare tra i ruscelli e scoprire i boschi. Guida Ambientale Escursionistica dal 2010 ho maturato diverse esperienze nel trekking, nella gestione di gruppi e nella didattica ambientale, in particolar modo attraverso il coordinamento di campi estivi residenziali e gite scolastiche. Appassionato di pesca nei torrenti e di agricoltura, di fauna appenninica e fotografia naturalistica, amo profondamente questo territorio e credo fortemente nelle potenzialità uniche che lo contraddistinguono. Un'area protetta per me significa continuità della vita ma soprattutto l'evoluzione di una nuova coscienza comune: quella del rispetto per la natura.