VI PRESENTIAMO GLI OSPITI

LIBRA 2017

Alessandra Beltrame è giornalista e vive tra Udine e Milano. Ha lavorato per i più importanti gruppi editoriali. Per due volte ha lasciato il cosiddetto posto fisso perché preferiva prima vivere, poi scrivere. Dal 2013 cammina quando può, appena può, zaino in spalla, a volte in compagnia del suo cane. Per Ediciclo Editore, ha pubblicato nella collana Biblioteca del viandante il romanzo Io cammino da sola, un percorso interiore sulla propria vita privata attraverso il camminare come terapia del benessere. Ha un blog: iocammino.org

Enrico Camanni  è uno scrittore, giornalista e alpinista italiano. Ha scritto articoli e saggi sulla storia dell’alpinismo, l’ambiente e le tematiche alpine, collaborando con numerosi giornali quotidiani e periodici tra cui  Airone, Il Sole 24 ORE, La Stampa, Meridiani, ecc. In trent’anni di attività pubblicistica e di ricerca, ha gradualmente allargato i suoi studi dall’alpinismo alla storia delle Alpi e alle problematiche dell’ambiente alpino, in particolare dal punto di vista umano, unendo più discipline e una vasta gamma di competenze. Si è contemporaneamente dedicato alla narrativa, pubblicando cinque romanzi ambientati in diversi periodi storici.

Sandro Campani è nato e cresciuto in Val Dragone, sull’appennino modenese. Ora vive in provincia di Reggio. Ha pubblicato  È dolcissimo non appartenerti più (Playground, 2005), Nel paese del Magnano (Italic Pequod, 2010), La terra nera (Rizzoli, 2013), Il giro del miele (Einaudi, 2017).

Paolo Ciampi è un giornalista e scrittore italiano. Ha lavorato per diversi quotidiani e oggi è direttore dell’Agenzia di informazione e comunicazione Toscana Notizie. Si divide tra la passione per i viaggi e la curiosità per i personaggi dimenticati nelle pieghe della storia. Ha all’attivo oltre venti libri con diversi riconoscimenti nazionali e adattamenti teatrali. L’ultimo, in ordine di pubblicazione, è L’uomo che ci regalò i numeri (Mursia) che racconta i viaggi e le scoperte del matematico Leonardo Fibonacci. Per Ediciclo è uscito con L’Olanda è un fiore. In bicicletta con Van Gogh, finalista del Premio Albatros – Città di Palestrina.

Michele Marziani è uno scrittore in lingua italiana. Ha pubblicato 7 romanzi tra cui La trota ai tempi di Zorro (DeriveApprodi), Barafonda (Cult Editore), Umberto Dei. Biografia non autorizzata di una bicicletta (Ediciclo), Nel nome di Marco (Ediciclo), La signora del caviale (Antonio Tombolini Editore), Fotogrammi in 6×6 (Antonio Tombolini Editore), La figlia del partigiano O’Connor (Edizioni Clichy), oltre a una raccolta di racconti e una ventina di libri di viaggi, vini e cibi. Ha vinto numerosi premi e riconoscimenti. Per la casa editrice digital first è direttore editoriale delle collane di narrativa Officina Marziani e Oceania. Dirige inoltre la rivista di letteratura online Il colophon.

Claudio Morandini è uno scrittore italiano. Nella scrittura dei suoi romanzi si è contraddistinto per uno stile raffinato e particolarmente versatile, avendo pubblicato libri di genere completamente diverso, che spaziano dal gotico all’ironico. Con il romanzo Neve, cane, piede si è aggiudicato la XXIX edizione del Premio “Procida-Isola di Arturo-Elsa Morante”  nella sezione Narrativa. A seguito dell’iniziativa “Modus Legendi”, il libro ha raggiunto la quinta posizione nella classifica della narrativa italiana e la settima posizione in quella generale dei libri più venduti[4]. Nel marzo 2017 il romanzo è uscito in Francia ed è in corso di traduzione in Sudamerica.

 

Claudio Jaccarino è pittore, scrittore, editore di libri d’arte. Nato a La Spezia nel 1952, vive e lavora a Milano dagli anni ’70. Ha collaborato come attore con la compagnia teatrale Comuna Baires di Renzo Casali partecipando a diverse tournée europee e in Argentina. Artista assai prolifico, impegnato nel sociale, ha esposto le sue opere in innumerevoli mostre, ed è stato recentemente invitato al Festival Internazionale di Acquarello di Lushan in Cina. Conduce laboratori di acquerello, disegno e pittura.

 

Maicol&Mirco nonostante il nome che enigmaticamente trae in inganno, l’artista, la cui creatività si esprime al plurale, è tra i più importanti autori di fumetto indipendente italiano. Famoso per gli “Scarabocchi”, da cui è stato anche tratto uno spettacolo teatrale, le sue vignette sono caratterizzate dalla feroce comicità dei testi e dall’immediatezza folgorante del segno grafico.Ha inoltre pubblicato per Bao Publiching  Il papà di Dio, e il libro per bambini Palla Rossa e Palla Blu.

Paolo Vachino, di professione avvocato, è un poeta e un instancabile affabulatore. Ha pubblicato diversi libri di poesia tra cui Sirene per naufraghi di terra (Editori della peste), La via lattea degli ubriachi (La memoria del mondo), Il ragno e la mosca-Dialogo sulla libertà (con Alberto Ramundo) Italic. Scrive su diverse riviste letterarie e conduce laboratori di scrittura anche all’interno delle carceri e nel 1990 ha vinto un torneo di ping pong.

Casa del Vento è una band di combat-folk-rock  di Arezzo che ha fatto dell’impegno sociale il fulcro attorno al quale ruota la propria creatività. All’attivo 6 album, un’antologia e 4 progetti speciali formano il percorso discografico di uno tra i gruppi più coerenti della nostra scena musicale. Tra le tante collaborazioni con musicisti ed esponenti dell’impegno civile, la band vanta un lungo sodalizio con Patti Smith iniziato due anni fa e che ha visto la Casa del Vento collaborare ad alcuni brani dell’ultimo album dell’artista di Chicago.

La leggera da oltre 15 anni si occupa di cultura immateriale prediligendo i linguaggi della musica, della danza, del canto, della narrazione, del teatro di tradizione/trasmissione orale, nonché dei saperi empirici legati alle attività manuali di origine contadina, artigiana e montanara.
I suonatori de La leggera è il gruppo che esegue un repertorio costituito da canti e sonate di tradizione orale della Val di Sieve, Casentino e Valdarno e spazia dal canto al canto a ballo, alle sonate proprie per il ballo all’antica, espressione della cultura orale contadina tramandata in queste valli appenniniche.

La Nuda Voce nasce sulla ricerca della voce e sul canto italiano di tradizione orale di Katia Lari, cantante, musicista e scrittrice, e Elena De Renzio, cantante, attrice e professionista di teatro-danza. Entrambe appassionate di musica popolare, si incontrano in Toscana e danno vita al duo Nuda Voce col quale si esibiscono in Italia e in Francia.